Blog

Benvenuti nel nostro blog

In questa nuova sezione del sito troverete approfondimenti, aggiornamenti e novità.

Merci pericolose


La tua azienda riceve o spedisce merci pericolose soggette ad ADR (le riconosci facilmente perché i colli sono tutti etichettati con pittogrammi colorati)? La tua azienda spedisce rifiuti pericolosi regolamentati per il trasporto su strada?

Se hai risposto SI’ ad almeno una delle due domande (o se hai qualche dubbio) e non hai ancora nominato un consulente per i trasporti su strada di merci pericolose, puoi contattarci per capire a quali obblighi normativi e operativi è soggetta la tua azienda.

Questo perché relativamente alla movimentazione di merci/rifiuti soggetti al Regolamento, a partire dal 1 gennaio 2023 anche gli speditori di tali merci/rifiuti saranno soggetti alla nomina del Consulente per i trasporti.

Da un punto di vista normativo, l’obbligo di nomina del Consulente è prescritto in Sezione 1.8.3 ADR:

1.8.3 Consulente per la sicurezza

1.8.3.1 Ogni impresa, la cui attività comporta la spedizione o il trasporto di merci pericolose su strada, oppure operazioni di imballaggio, di carico, di riempimento o di scarico, deve nominare uno o più consulenti per la sicurezza dei trasporti di merci pericolose, in seguito denominati consulenti, incaricati di facilitare l’opera di prevenzione dei rischi per le persone, per i beni o per l’ambiente inerenti a tali attività.

Le esenzioni in vigore oggi

Secondo l’ADR e la normativa italiana ad oggi vigente, un operatore può essere esentato dalla nomina del Consulente solo se l’autorità competente di riferimento prevede un dispositivo di legge nazionale che permette l’esenzione dalla nomina e quindi:

ADR 1.8.3.2 a): in caso di spedizioni in esenzione secondo ADR 1.1.3.6.4,1.7.1.4, 3.3, 3.4 e 3,5.

ADR 1.8.3.2. b): se si eseguono, come occasionali e sul territorio nazionale, attività di trasporto di merci pericolose o operazioni di imballaggio, di riempimento, di carico o di scarico connesse a tali trasporti, premesso che si tratti di merci/rifiuti che presentano un grado di pericolosità o un rischio di inquinamento minimi.

Ad oggi per gli operatori che si configurano come speditori non sono previste deroghe o esenzioni giuridicamente valide e quindi tutte le aziende interessate (anche quelle che usufruiscono delle diverse esenzioni dalla nomina per tipologia di attività o quantità movimentata in fase di carico/scarico) entro il 31 dicembre 2022 dovranno provvedere ad incaricare il proprio Consulente.

Il consulente va nominato per iscritto dal legale rappresentante dell’azienda che deve quindi comunicare (entro 15 giorni) la nomina al Dipartimento per la Mobilità Sostenibile, allegando copia del certificato di formazione del consulente ADR.

(*) Ricordiamo che lo speditore ha l’obbligo di presentare al trasporto una spedizione conforme alle disposizioni dell’ADR e che ne è il responsabile principale.

Sanzioni

La mancata nomina del consulente ADR comporta una sanzione amministrativa da 6.000 fino a 36.000 euro.

La mancata comunicazione della nomina del consulente ADR al Ministero comporta una sanzione amministrativa da 2.000 a 12.000 euro

CONSULENZE AMBIENTALI

Lun – Ven: 8:30-12:30; 14:00-18:00

Mettiti in contatto con noi

SEDE E LABORATORIO

Via Aldo Moro, 1 – 24020 Scanzorosciate (BG) – Italy
+39 035 659 4411
info@consamb.it

UNITA’ LOCALI

Via Beatrice D’Este, 16 20017 Rho (MI) – Italy